Month: dicembre 2016

Home / 2016 / dicembre
UE: Rotondi “La via dell’austerità ha abolito i vantaggi della moneta unica”.

UE: Rotondi “La via dell’austerità ha abolito i vantaggi della moneta unica”.

"L'euro ci ha fatto dimenticare i mutui usurari e ballerini degli anni ottanta e novanta: famiglie ed imprese si sono giovate di un minor costo del denaro, pur se le politiche di austerità hanno impedito di valorizzare questa opportunità". Così apre l'intervista di oggi su "Libero" il segretario nazionale di Rivoluzione Cristiana e deputato di Forza Italia, Gianfranco Rotondi. "Gli italiani - prosegue nel ragionamento Rotondi - diffidano di tutti i centralismi: le province si sentivano vessate dalle metropoli regionali, queste ultime da 'Roma ladrona'. Oggi il nemico è Bruxelles, che per la verità non fa niente per diminuire questo impatto negativo". All'ipotesi di un referendum sull'uscita dell'Italia dall'Unione europea, l'ex ministro lo reputa "impraticabile", occorrerebbe - infatti - una riforma costituzionale impensabile in questo Parlamento. "Al centrodestra - spiega Rotondi - basterebbe inserirla nel proprio programma elettorale, per trarne un vantaggio ed in caso di vittoria poter decidere".

Rotondi: pronto a primarie, ma l’unico vincente è Berlusconi. Va ricandidato anche senza revisione di Strasburgo.

Rotondi: pronto a primarie, ma l’unico vincente è Berlusconi. Va ricandidato anche senza revisione di Strasburgo.

"Se si faranno le primarie correrò al pari di tutti i segretari di partito, ma le considero inutili. L'unico leader capace di unire il centrodestra è Silvio Berlusconi". Lo afferma il segretario nazionale di Rivoluzione Cristiana, Gianfranco Rotondi che spiega: "Va ricandidato anche senza la revisione della sua condanna attesa da Strasburgo. Il popolo lo voterà lo stesso e la legge la cambieremo dopo".

Rotondi: “Bene Orlando, prorogare pensione ai magistrati”

Rotondi: “Bene Orlando, prorogare pensione ai magistrati”

"Apprezzo l'apertura del ministro Orlando sulla proroga della pensione dei magistrati. Per il centrodestra non è un favore alla categoria, ma una scelta funzionale e corrispondente al particolare lavoro svolto dal magistrato, che dà il meglio in saggezza ed esperienza proprio a quella età". Lo afferma il segretario nazionale di Rivoluzione Cristiana, Gianfranco Rotondi.

Rotondi: “Vitalizi, i renziani mi chiesero di aiutarli con un ricorso”

Rotondi: “Vitalizi, i renziani mi chiesero di aiutarli con un ricorso”

Intervista a Gianfranco Rotondi, Segretario di Rivoluzione cristiana, a "La Repubblica" del 27 dicembre 2017

di Carmelo Lopapa

"Sono stato avvicinato da alcuni colleghi del Pd renziano, mi hanno chiesto di immolarmi e presentare un ricorso di poche righe per cancellare la clausola che finora ha impedito la restituzione dei contributi ai parlamentari".

E lei, onorevole Gianfranco Rotondi, fondatore di Rivoluzione cristiana in Forza Italia?
"Io sono il più strenuo difensore della "casta" e dei suoi legittimi diritti, lo sapevano, e anche per questo hanno chiesto a me. Sono poi disinteressato ai benefici in questione, essendo alla mia quinta legislatura. Ma ho detto "no, grazie"".

E perché? Temeva di finire nel tritacarne?
"Macché. Per un solo motivo: perché non voglio fare questo regalo a quei peones dei Cinque Stelle. Cinquantamila euro sarebbero stati un premio che non meritano. Sa quanti colleghi sono indebitati e col rosso in banca? Non ha idea..." Ricorso dunque a chi? E poi non è detto che venga accolto.
"Lo sanno tutti. Quella norma del regolamento è scritta così male, è talmente illegittima che basterebbe un ricorso all'organo interno della Camera, la Commissione per la Tutela giurisdizionale a maggioranza pd, perché venga accolto. Facendo scattare il rimborso dei contributi".

Faccia i nomi. Chi l'ha avvicinata?
"Non è mio stile. Mi limito a rivelare che si tratta di colleghi pd vicini al segretario, i più interessati a chiudere presto la baracca e tornare al voto".

Ora una riforma cancellerebbe del tutto i futuri vitalizi e consentirebbe la restituzione dei contributi.
"Non mi stupisce. Non trovano qualcuno disposto alla gogna mediatica pur di salvare i rimborsi ai colleghi e seguono un'altra via".

Rotondi: “Vinceremo con Silvio, chi ci ama ci segua!”

Rotondi: “Vinceremo con Silvio, chi ci ama ci segua!”

"Accontenteremo Matteo Renzi facilitando il voto a giugno, e vinceremo con Silvio Berlusconi candidato premier. Chi ci ama ci segua!" Così il segretario nazionale di Rivoluzione Cristiana, Gianfranco Rotondi, sui social risponde, oggi, a chi domanda una previsione su elezioni e legislatura.

Rotondi “Tra i due Matteo c’è intesa profonda”

Rotondi “Tra i due Matteo c’è intesa profonda”

"I due Matteo sono d'accordo sul Mattarellum, ma la verità è che tra di loro c'è un filo rosso di intesa generazionale e di sistema". Così il segretario di Rivoluzione Cristiana, Gianfranco Rotondi, risponde su Facebook a chi gli chiede una previsione sulla legge elettorale.

Terrorismo, Catone: Progresso sociale non può essere macchiato di sangue

Terrorismo, Catone: Progresso sociale non può essere macchiato di sangue

«Il barbaro assassinio dell'Ambasciatore russo in Turchia e la strage compiuta al mercatino di Natale a Berlino sono atti efferati e terroristici, senza alcuna giustificazione morale e sociale, che mirano, al di là delle persone che colpiscono, a rendere instabile ed ingovernabile il mondo, dirette a minare le fondamenta della libera convivenza democratica». Lo afferma il Coordinatore nazionale di Rivoluzione cristiana, Giampiero Catone nell'esprimere il cordoglio, a nome del partito, verso le famiglie colpite da questi gravi lutti. «La gravità di queste vicende - continua Catone - turbano in modo acuto le nostre vite, già dilaniate dall'attuale stato di autentica emergenza sociale, e rendono indispensabile un comune senso di responsabilità ed una tenace volontà di approfondimento. È necessario un impegno comune - che il nostro partito esprime - come invito fermissimo, affinché si possa compiere tutto ciò che è possibile per fermare questa drammatica spirale di violenza. Il vero progresso sociale, - conclude Catone - non può e non deve essere macchiato di sangue innocente, né tormentato dal dolore. Rimane la speranza che negli animi di coloro la cui disperazione si piega alla violenza, alberghi ancora un sentimento di umanità».

Contestazioni a Rotondi, Catone: preoccupazioni e dilemmi dei cittadini non sfocino in violenza

Contestazioni a Rotondi, Catone: preoccupazioni e dilemmi dei cittadini non sfocino in violenza

«L'increscioso episodio che ha coinvolto il nostro Segretario Nazionale, Gianfranco Rotondi, pone angosciosi quesiti al nostro animo e rafforza in ognuno di noi la totale dedizione al servizio della Repubblica per rimuovere i dilemmi e le problematiche del tessuto civile della nostra Nazione. La compattezza delle idee di confronto, partecipazione e democrazia deve costituire la base di una sempre più vigorosa azione affinché l'Italia non abbia a precipitare in una spirale di insicurezza e di ingovernabilità. Motivi di preoccupazione che disorientano i giovani ed infondono negli anziani il timore di vedere annullati gli sforzi di progresso che il popolo italiano ha, con tanta fatica, realizzato in tanti anni». Lo afferma il Coordinatore nazionale di Rivoluzione cristiana, Giampiero Catone, commentando le contestazioni nei confronti del Segretario di Rc da parte di un gruppo di precari della scuola.

Contestato Rotondi sul Frecciarossa a Napoli

Contestato Rotondi sul Frecciarossa a Napoli

"Momenti di tensione sul treno Alta Velocità Roma Napoli questo pomeriggio: un gruppo di precari della scuola ha violentemente contestato il segretario di Rivoluzione Cristiana, on. Gianfranco Rotondi, bloccandolo nello spazio tra due vagoni. Dopo qualche minuto di tensione, la situazione si è rasserenata e l'ex ministro si è intrattenuto ancora per qualche minuto coi lavoratori, discutendo di precariato e pendolarismo". Lo comunica l'Ufficio Stampa del segretario di Rivoluzione Cristiana, Gianfranco Rotondi.

Rotondi: “Se Renzi vara il Mattarellum un milione di persone in piazza”

Rotondi: “Se Renzi vara il Mattarellum un milione di persone in piazza”

"Renzi non ha imparato la lezione: dopo aver provato a varare una sua Costituzione, ora prova ad approvare in un Parlamento scaduto una legge elettorale ad personam. Se torna il Mattarellum a maggioranza siamo pronti a portare un milione di persone in piazza, come alla vigilia di tutte le vittorie di Silvio Berlusconi". Lo afferma il segretario nazionale di Rivoluzione Cristiana, Gianfranco Rotondi.